Termini e Condizioni(Versione 1.8 del 30 Giugno 2017)

1 - Informazioni di sintesi sull'equity crowdfunding

L’equity-crowdfunding è una forma di finanziamento innovativa per le start-up innovative, PMI Innovative e non, organismi di investimento collettivo del risparmio o altre società di capitali che investono prevalentemente in start-up innovative e PMI (di seguito “offerenti”), in forza del quale gli investitori, a fronte dell’impiego di determinate risorse finanziarie, entrano nel capitale delle stesse.

Un portale di equity-crowdfunding è lo strumento mediante il quale gli “offerenti” possono rivolgere al pubblico degli investitori l’offerta dei propri titoli di capitale in modo da ottenere i finanziamenti necessari allo svolgimento della loro attività ed alla realizzazione dei loro progetti.

Il gestore del portale di equity-crowdfunding è la società che professionalmente provvede al funzionamento del portale e garantisce il corretto svolgimento delle offerte che vi sono pubblicate e l’interazione fra gli “offerenti” e gli investitori.

La legge italiana consente l’esercizio dell’attività di gestione di portali a soggetti appositamente autorizzati dalla Consob ed iscritti in un registro dalla stessa tenuto. I gestori registrati possono esercitare l’equity-crowdfunding soltanto in relazione ai titoli di capitale emessi dagli “offerenti”.

La start-up innovativa, compresa la start-up a vocazione sociale, è definita dall’art. 25 del d.l. 18 ottobre 2012 n. 179 convertito, con modificazioni, in legge n. 221 del 17 dicembre 2012 e la start-up turismo è prevista dall’art. 11-bis del decreto legge n. 83 del 31.05.2014, convertito con modificazioni nella legge n. 106 del 29.07.2014.

La piccola e media impresa innovativa (PMI innovativa) è definita dall’art. 4, comma 1, del decreto legge n. 3 del 24.01.2015, convertito con modificazioni dalla legge n. 33 del 24.03.2015.

L’organismo di investimento collettivo del risparmio (OICR), che investe prevalentemente in start-up innovative e in PMI, è definito dall’art. 1, comma 2, lettera e), del decreto del Ministero dell’economia e delle finanze del 30.01.2014.

Le società di capitali che investono prevalentemente in start-up innovative e in PMI, sono definite dall’art. 1, comma 2, lettera f), del decreto del Ministero dell’economia e delle finanze del 30.01.2014.

Questa pagina contiene i termini di utilizzo afferenti il portale Muum Lab. E’ necessario preliminarmente accettare i termini e le condizioni sotto riportate. Qualora non si voglia accettare si invita a non usare il sito e a non scaricare alcun materiale dello stesso.

Per approfondimenti si rimanda ai seguenti link:
artt. 50-quinquies e 100-ter del D.L.vo n. 58 del 24.02.1998 e successive modificazioni
delibera Consob n. 18592 del 26.06.2013, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 12.07.2013, con la quale è stato adottato il “Regolamento sulla raccolta di capitali di rischio da parte di start-up innovative tramite portali on-line” (di seguito “Regolamento”);
articolo 4 del decreto legge n. 3 del 24.01.2015 convertito, con modificazioni, dalla legge n. 33 del 24.03.2015 che ha esteso alle PMI innovative, agli organismi di investimento collettivo del risparmio e alle società di capitali che investono prevalentemente in start-up innovative e in PMI innovative la possibilità di effettuare offerte di capitale di rischio tramite portali on-line;
delibera Consob n. 19520 del 24.02.2016, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 53 del 04.03.2016, con la quale sono state apportate modifiche al “Regolamento”;
articolo 1, comma 70, della Legge n. 232 del 11 dicembre 2016 (“Legge di Stabilità 2017”);
articolo 57, comma 1, del Decreto Legge n. 50 del 24 aprile 2017 (cd. “Decreto Correttivo”);
Sezione investor education del sito internet della Consob
Sezione del Registro delle Imprese dedicata alle start-up innovative


2 - Informazioni su Muum Lab S.r.l.

>Muum Lab S.r.l., con sede legale in Molfetta (BA) alla Via Torre del Pane n. 7, Capitale Sociale € 10.000,00, i.v., Repertorio Economico Amministrativo: C.C.UI.A.A. di Bari n. 565104, codice fiscale e partita Iva: 07542550723, tel./fax 099/8807641, email: info@muumlab.com, pec: muumlab@pec.it (di seguito “Gestore”) svolge l’attività di gestione di un portale on-line per la facilitazione della raccolta di capitale di rischio da parte degli “offerenti”.

Con delibera Consob n. 19003 del 06.08.2014 è stata disposta l’iscrizione della Società Muum Lab S.r.l., con sede in Molfetta, nel registro dei gestori di portali per la raccolta di capitali per start-up innovative, previsto dall’art. 50-quinquies, comma 2, del decreto legislativo n. 58 del 24.02.1998;

La società Muum Lab S.r.l. è partecipata da quattro soci, le cui quote sono così ripartite:

  • Davide Ciccolella: 33% del capitale sociale della società;
  • Pierpaolo Ciccolella: 33% del capitale sociale della società;
  • Paolo ciccolella: 29% del capitale sociale della società;
  • Mezzina Sabino Daniele: 5% del capitale sociale della società;

Il Consiglio di Amministrazione della Muum Lab S.r.l., avente funzioni di amministrazione, direzione e controllo, è così composto:

  • Paolo Ciccolella: Presidente CdA e legale rappresentante;
  • Maurizio Maraglino Misciagna: Consigliere con funzione di Direttore Generale;
  • Michelangelo Napoletano: Consigliere;
  • Giuseppe Marziale: Consigliere non esecutivo (art. 9, comma 3, "Regolamento").

 

3 - Come investire sul portale: ordini sotto soglia Mifid

In ottemperanza dell’art. 17, comma 4, del “Regolamento” la ricezione e la trasmissione degli ordini sotto soglia MiFid sarà effettuata dal “Gestore” secondo il seguente flusso elettronico:


a) l’investitore dopo aver espletato la fase relativa alla registrazione al portale del “Gestore”, potrà aderire alle offerte proposte dagli “offerenti”;


b) le offerte avranno una durata di 90 (novanta) giorni effettivi entro cui sarà consentito agli investitori di aderire alle stesse; tale durata potrà essere prorogata a discrezione del “Gestore” per ogni singola raccolta. Le offerte si concluderanno, altresì, al raggiungimento del target di raccolta e quindi anche prima dei novanta (90) giorni;


c) il “Gestore” riceverà l'ordine di adesione dall'investitore attraverso la compilazione di una form accessibile dalla scheda-progetto dell'offerente. Nella form l'investitore dovrà inserire la somma in Euro che desidera investire o, in alternativa, il numero azioni e/o quote rappresentative del capitale sociale degli offerenti che intende sottoscrivere; nel primo caso il sistema, in base al prezzo della singola quota stabilito in fase di avvio della raccolta, calcolerà le corrispettive quote sottoscrivibili.
Il “Gestore”, inoltre, acquisirà dall'investitore, mediante una checkbox creata appositamente dal “Gestore” in questa sezione del portale, un'attestazione con la quale lo stesso dichiarerà di non aver superato, nell'anno solare di riferimento, le soglie previste dall'art. 17, comma 3, del “Regolamento”; pertanto, il controvalore degli ordini impartiti dagli investitori-persone fisiche non devono essere superiori ad € 500,00 (Euro cinquecento/00) per singolo ordine e ad € 1.000,00 (Euro mille/00) considerando gli ordini complessivi annuali mentre il controvalore degli ordini impartiti dagli investitori-persone giuridiche non devono essere superiori ad € 5.000,00 (Euro cinquemila/00) per singolo ordine e ad € 10.000,00 (Euro diecimila/00) considerando gli ordini complessivi annuali.
A tal fine, ai sensi dell'art. 17, comma 5, del “Regolamento”, rilevano gli importi degli investimenti effettivamente perfezionati nell'anno solare di riferimento attraverso i portali (compresi quelli di terzi) di equity-crowdfunding; 


d) l’investitore, dopo aver effettuato l’odine di adesione, riceverà dal sistema una e-mail con la quale gli verrà comunicato che si è provveduto a pre-autorizzare dalla carta di credito il prelievo della somma investita e che tale somma sarà addebitata solo alla chiusura con successo della raccolta su cui ha investito; se quest’ultima non dovesse avere successo il sistema comunicherà all’investitore che l’autorizzazione al prelievo dalla carta di credito della somma investita sarà stornata [lo status dell’operazione nell’area privata dell’investitore si aggiornerà automaticamente riportando l’informazione circa l’ordine effettuato];


e) il sistema inoltrerà in automatico l’ordine di adesione tramite e-mail all’indirizzo della Banca; la Banca, altresì, attraverso il proprio cruscotto ("dashboard Banca") integrato al portale rileverà in tempo reale l'ingresso dei singoli investitori ed in particolare gli estremi identificativi dell'investitore, il giorno e l'ora di ingresso nel capitale, il giorno e l'ora dell'eventuale recesso, la quantità dei titoli acquistati ed il relativo prezzo;


f) se l’operazione di raccolta si concluderà positivamente, dopo 8 giorni dall’ingresso dell’ultimo investitore nel capitale, il sistema procederà alla riscossione/movimentazione degli ordini effettuati. Tanto al fine di assicurare, ai sensi dell’art. 13 comma 5 del Regolamento, agli investitori diversi dagli investitori professionali il diritto di recedere (ius poenitendi) dall’ordine di adesione, senza alcuna spesa e tramite comunicazione rivolta al Gestore, entro 7 (sette) giorni decorrenti dalla data dell’ordine; quindi il sistema potrebbe procedere alla riscossione/movimentazione degli ordini effettuati anche al novantottesimo (98°) giorno qualora l’ultimo ordine sia stato impartito il novantesimo (90°) giorno della raccolta. Se, invece, l’operazione di raccolta si concluderà negativamente il sistema stornerà automaticamente l’autorizzazione di addebito. L’investitore riceverà una e-mail con la quale gli verrà comunicato che l’operazione o si è perfezionata oppure che non è perfezionabile. L'offerta si conclude con esito negativo quando nel termine massimo prestabilito di 90 giorni, o in quello prorogato a discrezione del Gestore, non viene raggiunto il target di raccolta con almeno una quota, sottoscritta da investitori professionali, pari al 5% del capitale. [lo status dell’operazione nell’area privata dell’investitore si aggiornerà automaticamente riportando l’informazione: “Operazione perfezionata” oppure “operazione non perfezionabile”];


g) l'investitore retail avrà il diritto di recedere (ius poenitendi) dall'ordine di adesione, senza alcuna spesa e tramite il tasto di recesso presente sul portale, entro 7 giorni decorrenti dalla data dell'ordine. L'investitore retail avrà, altresì, la possibilità di revocare l'ordine di adesione quando vi siano, nel corso della raccolta, variazioni afferenti le informazioni che dovranno essere, pertanto, differenti rispetto a quelle pubblicate sul portale all'inizio della raccolta; il diritto di revoca dovrà essere esercitato entro 7 giorni dalla pubblicazione delle variazioni informative attraverso la pressione del tasto di recesso. Immediatamente dopo aver premuto il tasto “recedi” il sistema stornerà automaticamente l'autorizzazione di addebito e la predetta operazione sarà visibile sulla dashboards del Gestore e della Banca.

 

4 - Come investire sul portale: ordini degli investitori professionali

In ottemperanza dell’art. 17, comma 3, del “Regolamento” l’adesione da parte di investitori professionali sarà effettuata secondo le seguenti modalità:

a) la “Banca” opererà esclusivamente secondo il dettato dell’art. 100-ter, comma 2-bis, del TUF dedicando, a tal fine, un suo referente;

b) gli investitori professionali rilevano il contatto del referente della “Banca” direttamente dalla scheda-progetto dell’Emittente;

c) il “Gestore” mette a disposizione della “Banca” un apposito cruscotto integrato al portale che sarà gestito in via esclusiva dalla stessa “Banca”;

d) per tali operazioni la “Banca” ed il “Gestore” opereranno secondo la seguente procedura:

l’utente bancario accedendo con le proprie credenziali al portale, avrà accesso ad un cruscotto contenente la lista dei progetti in fase di raccolta.
In corrispondenza di ciascun progetto ci sarà un pulsante per l’immissione da parte della “Banca” dei dati degli ordini ricevuti da investitori professionali. Alla pressione del tasto, comparirà una form con i seguenti dati da inserire:

- Denominazione investitore professionale

- Quantità di titoli acquistati e/o somma investita

All’utente bancario sarà concesso, tramite apposito tasto, di rimuovere l’investimento effettuato dall’investitore professionale.
Una volta che l’utente bancario avrà inserito i dati, il “Gestore” riceverà via mail una notifica generata dal sistema e la scheda progetto dell’Emittente sarà automaticamente aggiornata.

Il Gestore rileverà in tempo reale ogni singolo aggiornamento sulla propria dashboard poiché quest'ultima è sincronizzata con quella della Banca; pertanto la Banca non dovrà fornire informative al Gestore in relazione agli ordini.

In caso di mancato perfezionamento dell’offerta gli importi degli ordini effettuati con bonifico dagli investitori professionali sul conto corrente indisponibile destinato all’offerente saranno restituiti tramite bonifico dalla BCC di San Marzano di San Giuseppe entro 7 giorni decorrenti dal termine di conclusione della raccolta con valuta coeva alla data di esecuzione del bonifico.

 

5 - Gestione dei pagamenti:

a) gli investitori professionali effettueranno i pagamenti tramite bonifico bancario in un conto corrente indisponibile della raccolta destinato all’offerente utilizzando le coordinate pubblicate all’interno del documento informativo della scheda-progetto. Il bonifico dovrà essere effettuato con valuta coeva o successiva alla chiusura della raccolta;

b) gli investitori retail effettueranno i pagamenti tramite carta di credito utilizzando il servizio denominato “Payway” di Sinergia;

c) la Banca provvederà ad accendere un conto corrente indisponibile destinato all’offerente sul quale confluiranno le somme investite. Il conto corrente sarà svincolato e i relativi fondi saranno resi disponibili all’offerente dopo che la Banca, unitamente al Gestore, abbia verificato che sia stato raggiunto l’obiettivo di raccolta con l’ingresso nel capitale di investitori professionali per almeno una quota pari al 5% del capitale. La Banca e il Gestore dovranno, altresì, verificare che siano trascorsi 8 (otto) giorni dall’ingresso dell’ultimo investitore nel capitale;

e) ogni operazione di equity-based crowdfunding ha una durata di 90 (novanta) giorni destinati alla raccolta; tale durata potrà essere prorogata a discrezione del Gestore per ogni singola raccolta. L’operazione si concluderà, altresì, al raggiungimento del target di raccolta e quindi anche prima dei 90 (novanta) giorni. L'offerente, fermo restando tutte le altre condizioni dell'offerta, potrà rivedere al ribasso il target di raccolta.


6 - Regime alternativo ex art. 100-ter T.U.F. per il trasferimento delle quote rappresentative del capitale di start-up innovative e di PMI innovative costituite in forma di s.r.l.:

a) ai sensi dell’art. 100-ter T.U.F. (così come modificato dall’art. 4 del D.L. n. 3 del 24.01.2015 convertito con modificazioni dalla L. n. 33 del 24.03.2015), in alternativa a quanto stabilito dall'articolo 2470, secondo comma, del codice civile e dall'articolo 36, comma 1-bis, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, (convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 e successive modificazioni), la sottoscrizione o l'acquisto e la successiva alienazione di quote rappresentative del capitale di start-up innovative e di PMI innovative costituite in forma di società a responsabilità limitata saranno effettuate, sia per gli investitori retail che per gli investitori professionali, secondo le seguenti modalità:

a-1) la sottoscrizione o l'acquisto possono essere effettuati per il tramite della “Banca” abilitata alla resa di uno o più dei servizi di investimento previsti dall'articolo 1, comma 5, lettere a), b) ed e); la “Banca” effettua la sottoscrizione o l'acquisto delle quote in nome proprio e per conto dei sottoscrittori o degli acquirenti che abbiano aderito all'offerta tramite portale;

b) entro i trenta giorni successivi alla chiusura dell'offerta, la “Banca” comunica al registro delle imprese la sua titolarità di socio per conto di terzi, sopportando il relativo costo; pertanto l'adesione all'offerta, in caso di buon fine della stessa e qualora l'investitore decida di avvalersi del regime alternativo di cui al presente comma, comporta il contestuale e obbligatorio conferimento di mandato alla “Banca” incaricata affinché:

b-1) effettui l'intestazione delle quote in nome proprio e per conto dei sottoscrittori o degli acquirenti, tenendo adeguata evidenza dell'identità degli stessi e delle quote possedute;

b-2) rilasci, a richiesta del sottoscrittore o dell'acquirente, un attestato di titolarità delle quote con il quale la Banca certifica che l’investitore è il reale titolare dello strumento finanziario sottoscritto; tale attestato di conferma ha natura di puro titolo di legittimazione per l'esercizio dei diritti sociali, è nominativamente riferito al sottoscrittore o all'acquirente, non è trasferibile, neppure in via temporanea né a qualsiasi titolo, a terzi e non costituisce valido strumento per il trasferimento della proprietà delle quote.

b-3) consenta ai sottoscrittori e agli acquirenti che ne facciano richiesta di alienare le quote secondo quanto previsto alla lettera c) del presente comma;

b-4) accordi ai sottoscrittori e agli acquirenti la facoltà di richiedere, in ogni momento, l'intestazione diretta a se stessi delle quote di loro pertinenza;

c) la successiva alienazione delle quote da parte di un sottoscrittore o acquirente, ai sensi della lettera b), numero b-3), avviene mediante semplice annotazione del trasferimento nei registri tenuti dalla “Banca”; la scritturazione e il trasferimento non comportano costi o oneri né per l'acquirente nè per l'alienante. La successiva certificazione effettuata dalla “Banca”, ai fini dell'esercizio dei diritti sociali, sostituisce ed esaurisce le formalità di cui all'articolo 2470, secondo comma, del codice civile;

d) trascorsi due anni dalla data in cui la società interessata abbia cessato di essere startup innovativa per il decorso del termine di 60 mesi dalla sua costituzione la “Banca” provvede ad intestare le quote detenute per conto dei sottoscrittori e degli acquirenti, che ne sopporteranno le relative spese, direttamente agli stessi attraverso una comunicazione al registro delle imprese. Nel caso di opzione per il regime alternativo di cui all’art. 100-ter, co. 2 bis –TUF, la successiva registrazione effettuata dal registro delle imprese sostituisce ed esaurisce le formalità di cui all’art. 2470, secondo comma, del codice civile.

e) mentre per gli investitori retail il trasferimento di quote rappresentative del capitale avverrà esclusivamente secondo le procedure disciplinate dall'art. 100-ter, co. 2 bis - TUF, per gli investitori professionali la Banca potrà prevedere, in alternativa a quanto stabilito dal predetto art. 100-ter, co. 2 bis - TUF, qualsiasi altra forma di trasferimento di quote stabilita dalla legge e concordata con i citati investitori professionali.


7 - Compenso per il “Gestore”:

Al momento della pubblicazione dell’offerta sul portale gli offerenti verseranno al “Gestore” la somma di € 700,00. Successivamente, in caso di esito positivo dell’operazione di raccolta, il “Gestore” riceverà dagli offerenti, a titolo di commissione/fee, una percentuale pari al 10% (diecipercento) dell’importo raccolto dagli investitori retail e professionali; nessuna somma sarà dovuta al “Gestore” dagli offerenti nel caso in cui l’operazione di raccolta si conclude negativamente.


8 - Ricompensa per gli investitori:

Gli “offerenti” possono prevedere per gli investitori un’eventuale ricompensa che provvederanno direttamente a consegnare, assumendosi in via esclusiva sia la responsabilità fiscale che la responsabilità per la mancata consegna della predetta ricompensa; pertanto, gli “offerenti” manlevano il “Gestore” da qualsiasi tipo di responsabilità.


9 - Diritto di recesso e di revoca dell’offerta:

Gli investitori diversi dagli investitori professionali, ai sensi dell’art. 13, comma 5, del “Regolamento”, hanno diritto di recedere (ius poenitendi) dall’ordine di adesione entro 7 (sette) giorni decorrenti dalla data dell’ordine, senza alcuna spesa, cliccando il tasto “recedi” [l’investitore riceverà contestualmente una mail che confermerà l’avvenuto recesso]; il recesso, pertanto, è immediato e completamente automatico.

In caso di recesso si provvederà a stornare la pre-autorizzazione del prelievo delle somme investite dalla carta di credito.

Gli investitori divera “Banca“ si dagli investitori professionali, ai sensi dell’art. 25, comma 2 del “Regolamento” hanno il diritto di revocare l’ordine di adesione all’offerta quando vi siano, nel corso della raccolta, variazioni afferenti le informazioni che dovranno essere, pertanto, differenti rispetto a quelle pubblicate sul portale all'inizio della raccolta; il diritto di revoca dovrà essere esercitato entro 7 giorni dalla pubblicazione delle variazioni informative attraverso la pressione del tasto di recesso. Immediatamente dopo aver premuto il tasto di recesso il sistema stornerà automaticamente l'autorizzazione di addebito e la predetta operazione sarà visibile sulla dashboards del Gestore e della Banca.

Al fine di garantire la restituzione delle somme agli investitori, in tutti i casi in cui ciò è previsto, il conto corrente per la raccolta è soggetto ad un vincolo di indisponibilità per tutta la durata dell’offerta.


10 - Selezione delle offerte da pubblicare sul Portale

Muum Lab S.r.l. compie uno screening preliminare degli offerenti che richiedono di pubblicare l’offerta dei propri titoli sul Portale, al fine di verificare la sussistenza dei requisiti di legge per l’ammissione sul Portale.


11 - Attività di controllo e aggiornamento svolte in pendenza delle offerte

In pendenza delle offerte pubblicate dagli offerenti ammessi sul Portale Muum Lab S.r.l. assicurerà: a) il costante aggiornamento delle informazioni diffuse dagli offerenti; b) l’aggiornamento dei risultati dell’offerta; c) il controllo sulla correttezza dei dati e dei comportamenti degli offerenti che assumono rilievo ai fini dell’offerta sul Portale.

Muum Lab S.r.l. nel caso in cui riscontri l’inosservanza, da parte degli offerenti ammessi sul Portale, delle regole di funzionamento di quest’ultimo (specie con riguardo agli obblighi connessi alla trasmissione e pubblicazione di informazioni corrette e complete), potrà revocare o sospendere l’offerta dell’offerente inadempiente: in caso di revoca dell’offerta il sistema stornerà automaticamente l'autorizzazione di addebito.


12 - Limiti di utilizzo

I contenuti delle pagine del sito Muum Lab (compresi i software, i testi, le immagini, i loghi, le fotografie, le comunicazioni ed altri contenuti) sono di proprietà di Muum Lab S.r.l. o sono concessi in licenza d’uso a Muum Lab S.r.l.. Tutti i diritti sono riservati. I contenuti delle pagine del sito Muum Lab non possono essere copiati, trasferiti, pubblicati o distribuiti senza il consenso preventivo scritto di Muum Lab S.r.l. (è consentito l’utilizzo personale). I marchi e i loghi presenti sul sito Muum Lab non possono essere utilizzati su altri siti internet senza il preventivo consenso scritto di Muum Lab S.r.l..


13 - Funzionalità del servizio

Muum Lab non garantisce la ininterrotta funzionalità del portale: l'accesso al portale e l’utilizzo del Servizio potranno essere sospesi o interrotti in caso di congestione e/o sovraccarico del sistema, nonché al fine di garantire gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, a esclusiva discrezione di Muum Lab senza che ciò comporti alcuna responsabilità di Muum Lab S.r.l..

Muum Lab S.r.l. non è responsabile di ritardi, cattivo funzionamento, sospensione e/o interruzione nell’erogazione del servizio causati da forza maggiore o caso fortuito, manomissione o interventi illeciti ad opera di terzi su servizi o apparecchiature utilizzate da Muum Lab, manomissioni o interventi sugli apparati di connessione, rientranti nella disponibilità degli utenti effettuati da questi ultimi o da terzi non autorizzati, errata utilizzazione del servizio da parte degli utenti, malfunzionamento/configurazioni errate degli apparati di connessione utilizzati dagli utenti.


14 - Responsabilità e garanzia

L’emittente è l'esclusivo responsabile della completezza e della veridicità dei dati e delle informazioni dallo stesso fornite in quanto Muum Lab non predispone le informazioni relative alle offerte.

Muum Lab S.r.l. non fornisce alcuna garanzia che il sito e le informazioni in esso contenute siano privi di errori o di virus, siano completi e veritieri e/o non violino i diritti di terzi e neppure che essi siano conformi alle leggi e tradizioni di Paesi esteri. Le informazioni contenute in questo Sito possono essere tecnicamente inaccurate o viziate da errori tipografici.

Muum Lab non è tenuta a controllare il materiale caricato dagli utenti sul Portale, a meno che non si debba adempiere ad una disposizione di legge, ad un ordine dell’Autorità Giudiziaria. Muum Lab non è soggetta ad alcun obbligo di controllo preventivo e di sorveglianza, e, pertanto, non può essere in alcun modo ritenuta responsabile per il suddetto materiale, né per eventuali errori e/o omissioni nello stesso, nonché per eventuali danni diretti o indiretti derivanti agli utenti e/o a terzi dall’utilizzo o mancato uso del Servizio. Gli emittenti, pertanto, saranno i soli responsabili delle informazioni e del materiale immesso oltre che dell’esattezza, completezza e veridicità dello stesso.

Ai sensi del “Regolamento” ed in particolare dell’articolo 25, comma 2, le informazioni possono essere modificate o aggiornate senza preavviso e Muum Lab può migliorare, cambiare o eliminare alcune sezioni di questo sito, senza preavviso, fatti salvi tuttavia i diritti riconosciuti agli investitori; in nessun caso Muum Lab S.r.l. sarà ritenuta responsabile per qualsiasi danno diretto o indiretto, causato dall’utilizzo di questo Sito.

Muum Lab si riserva il diritto, senza alcun obbligo, di sottoporre a controllo i contenuti che saranno caricati dalle emittenti sulla propria piattaforma. Muum Lab potrà, altresì, rifiutare senza preavviso di inserire nel Sito i contenuti ritenuti inadeguati o che in qualunque modo contravvengono alle disposizioni del “Regolamento”, senza che possa essere ritenuta in alcun modo responsabile nei confronti degli offerenti. Gli offerenti, in particolare, prendono atto che è vietato inserire, pubblicare, diffondere (o dar modo ad altri di farlo) contenuti:

a) di natura offensiva, ingiuriosa, diffamatoria, calunniosa, pornografica, volgare, oscena, pedo-pornografica, blasfema ed in qualsiasi modo non conforme ai principi dell'ordine pubblico e del buon costume o che possa arrecare danno in qualsiasi modo ai minori di età;

b) che rechino molestia alla quiete pubblica o privata o offesa o danno, diretto o indiretto, a chiunque o che incoraggino i terzi a mettere in atto una condotta illecita e/o criminosa passibile di responsabilità penale o civile;

c) che violino norme giuridiche vigenti, ivi incluse, a titolo meramente esemplificativo, le disposizioni della Legge sul diritto d'autore, nonchè del Codice Privacy, o segni distintivi, diritti di proprietà intellettuale, industriale o altro diritto di terzi;

d) che contengono virus o altri programmi volti a danneggiare o interferire con il corretto funzionamento dei Servizi, causare un irragionevole sovraccarico di attività delle infrastrutture tecnologiche e dei server di Muum Lab o a intercettare o appropriarsi di sistemi operativi, dati o informazioni personali o violare, sottrarre o sopprimere la corrispondenza informatica o telematica a terzi;

e) contenenti pubblicità, materiale promozionale o qualsiasi altra forma di sollecitazione non richiesta e indesiderata.

Gli offerenti si impegnano a non copiare, riprodurre, elaborare, alterare, modificare, trascrivere, duplicare, comunicare, distribuire o altrimenti divulgare eventuale materiale protetto dal diritto d’autore senza autorizzazione espressa in forma scritta o senza il consenso espresso dei terzi titolari dei diritti di proprietà intellettuale. La violazione di queste previsioni da parte degli offerenti è punibile ai sensi degli artt. 171 ss. della Legge sul diritto d’autore.

Eventuale materiale protetto da diritto di proprietà intellettuale può essere immesso nel suddetto spazio solo qualora gli Utenti abbiano acquisito dal titolare del diritto i connessi diritti di utilizzazione e, quindi, solo con il permesso scritto del titolare del diritto e con l’obbligo di citare la fonte e l’esistenza del permesso.

Gli investitori sono gli esclusivi responsabili della veridicità dei dati delle carte di credito e delle informazioni dagli stessi fornite; pertanto, il “Gestore” è manlevato da eventuali frodi circa l’utilizzo delle carte di credito. Il “Gestore” non conserva nel proprio portale i dati delle carte di credito evidenziando, inoltre, che gli accessi al portale avvengono attraverso connessioni criptografate secondo i più alti standard di sicurezza.


15 - Cookie

Sul Portale di Muum Lab S.r.l. utilizziamo i c.d. cookies di “sessione”, che vengono memorizzati sul computer dell’Utente per mere esigenze tecnico-funzionali, per la trasmissione di identificativi di sessione necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I dati di sessione sono memorizzati sul server utilizzato da Muum Lab S.r.l. ed è accessibile solo quando viene utilizzato un cookie firmato. Controlli su browser, IP e orario sono utilizzati per co-verificare i dati di sessione associati al cookie. I dati di sessione vengono eliminati dopo 24 minuti nel caso in cui la pagina non venga caricata nuovamente. In questo modo, i dati sensibili relativi all’utente non sono memorizzati permanentemente.

Per migliorare il funzionamento del Portale, vengono utilizzate applicazioni di terzi che potrebbero fare uso di cookie. Questi cookie sono specifici al dominio di terzi e, sulla base dei dati in essi contenuti, possono essere visti e gestiti esclusivamente dai propri proprietari.

L’utilizzo di tali strumenti creati da terzi rappresenta la best practice in uso al momento. Non abbiamo un controllo diretto sul contenuto dei cookie che questi strumenti generano. Vi invitiamo a verificare i siti web di tali terzi e le loro policy sulla privacy per avere maggiori informazioni circa i loro cookie e le modalità di gestione di questi ultimi e a verificare la configurazione del vostro browser internet. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione/opt-out dei cookie.

Facebook
Informativa: www.facebook.com/help/cookies
Configurazione: accedere alla sezione privacy del proprio account Facebook.

Twitter
Informativa: https://support.twitter.com/articles/20170514
Configurazione: https://twitter.com/settings/security

Linkedin
Informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy
Configurazione: https://www.linkedin.com/settings/

Google+
Informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Configurazione: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/


16 - Misure predisposte per la trattazione dei reclami e l’indicazione dell’indirizzo cui trasmettere tali reclami

Chi volesse inoltrare un reclamo relativamente alle attività svolte dal “Gestore” potrà farlo a mezzo e-mail all’indirizzo: info@muumlab.com, indicando il motivo ed i propri recapiti; i predetti reclami saranno esaminati con sollecitudine dagli addetti alla gestione degli stessi


17 - Meccanismi previsti per la risoluzione stragiudiziale delle controversie

Ai fini della risoluzione stragiudiziale di controversie relative alla violazione degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza e trasparenza cui è tenuto il “Gestore”, l’investitore retail, successivamente all’inoltro di un reclamo per il quale non sia soddisfatto o non abbia ricevuto risposte da Muum Lab S.r.l., potrà ricorrere, prima di rivolgersi al giudice, all’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF) ai sensi del Regolamento di attuazione dell’articolo 2, commi 5-bis e 5-ter, del decreto legislativo 8 ottobre 2007, n. 179, adottato con delibera Consob n. 19062.

Il ricorso all’ACF può essere proposto esclusivamente dall’investitore reatail, personalmente o per il tramite di un’associazione rappresentativa degli interessi dei consumatori ovvero di procuratore quando sui medesimi fatti oggetto dello stesso:

  • non siano pendenti, anche su iniziativa di Muum Lab a cui l’investitore abbia aderito, altre procedure di risoluzione extragiudiziale delle controversie;
  • sia stato preventivamente presentato reclamo a Muum Lab e quest’ultima abbia fornito espressa risposta o sia decorso il termine di sessanta giorni dalla sua presentazione senza che l’investitore abbia ottenuto risposta da Muum Lab.

Il ricorso all’ACF deve essere proposto entro un anno dalla presentazione del reclamo a Muum Lab ovvero, se il reclamo è stato presentato anteriormente alla data di avvio dell’operatività dell’ACF, entro un anno da tale data.

Il diritto di ricorrere all’ACF non può formare oggetto di rinuncia da parte dell’investitore retail ed è sempre esercitabile, anche in presenza di clausole di devoluzione delle controversie ad altri organismi di risoluzione extragiudiziale contenute nei contratti.

I reclami ricevuti verranno valutati anche alla luce degli orientamenti desumibili dalle decisioni assunte dall’ACF e, in caso di mancato accoglimento, anche parziale, di tali reclami, l’investitore potrà ricorrere all’ACF.

Resta impregiudicata la facoltà di ricorrere all’Autorità giudiziaria sia nel caso in cui Muum Lab non esegua la decisione dell’ACF e sia se l’ACF non accolga, in tutto o in parte, la domanda dell’investitore retail.


18 - Foro competente

Il Foro di Trani avrà competenza esclusiva per eventuali controversie inerenti al Regolamento sulla raccolta di capitali di rischio tramite portali on-line – pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 12.07.2013 – adottato con delibera Consob n. 18592 del 26.06.2013 e modificato con delibera Consob n. 19520 del 24.02.2016, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 53 del 04.03.2016, con la quale sono state apportate modifiche al “Regolamento”. Muum Lab S.r.l. si riserva, qualora lo ritenga necessario, di poter agire in giudizio di fronte a Tribunali di Paesi o città diversi dall’Italia o da Trani, per proteggere i propri interessi e far rispettare i propri diritti.


19 - Vaziazioni

Il “Gestore” può rivedere in qualsiasi momento i termini e le condizioni di utilizzo modificando la presente pagina. Qualora il “Gestore” dovesse modificare i termini e le condizioni di utilizzo lo porterà a conoscenza degli utenti che saranno informati attraverso la pubblicazione sul Portale dei termini e delle condizioni di utilizzo aggiornate. Gli utenti, si impegnano ad aggiornarsi ed a conoscere i termini e le condizioni di utilizzo ed a informarsi circa le eventuali modifiche. Decorsi trenta giorni dalla pubblicazione tali modifiche si riterranno effettive. Gli utenti, pertanto, sono tenuti a controllare periodicamente questa pagina ed a prendere atto di eventuali modifiche apportate che sono vincolanti per l’utente.